Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.

In questa pagina si ripirtano alcuni prodotti dell'UOSD Epidemiologia e Servizio Informativo Dipartimentale relativi all'elaborazione di dati raccolti con sistemi di sorveglianza o specifiche attività epidemiologiche, direttamente dalla UOSD stessa o da altre articolazioni del dipartimento di Prevenzione.

La Sorveglianza di popolazione

Nella sua accezione classica, la sorveglianza di popolazione consiste in una raccolta continua e sistematica di dati la cui interpretazione viene messa a disposizione di coloro che devono progettare, realizzare e valutare interventi in sanità pubblica.

Nella sorveglianza continua assumono particolare rilevanza i problemi relativi all'operatività del sistema, che deve essere in grado di funzionare senza interruzioni: è richiesta pertanto una struttura organizzativa stabile, con adeguate dimensioni e risorse, con una regolare e assidua manutenzione.

La Sorveglianza PASSI (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia)

Attualmente, le fonti ufficiali forniscono informazioni sui principali determinanti di salute e sull'adozione di misure di prevenzione. Tuttavia, non sono disponibili dati sufficientemente tempestivi e con dettagli al livello di ASL e mancano informazioni su quanto la popolazione percepisca e recepisca rispetto ad interventi di sanità pubblica, quali messaggi promozionali, attività di counselling, ecc.

Obiettivo della Sorveglianza PASSI è costruire proprio una base di dati specifica per il livello aziendale, in continua crescita e aggiornamento, per monitorare l'andamento dei fattori di rischio comportamentali e degli interventi di prevenzione ad essi orientati. Questa stessa base di dati permette anche di confrontare le diverse realtà aziendali fra di loro, seguendone l'evoluzione nel tempo.

Nella ASL Roma C, alla sorveglianza PASSI, condotta dalla UOSD Epidemiologia e Servizio Informativo Dipartimentale, concorrono in maniera determinante operatori afferenti sia a diversi servizi del dipartimento di Prevenzione che ad altre articolazioni aziendali.

Cos'è e come funziona la sorveglianza PASSI

I dati della sorveglianza PASSI a livello nazionale e regionali

I dati della Sorveglianza PASSI dopo il primo anno di attività. REPORT PASSI 2007-2008 (2696,1 KB)

Il dipartimento di prevenzione ha consegnato ai Medici di Medicina Generale un poster con messaggi di promozione di stili di vita salubri. Nel poster sono riportati alcuni dati relativi alla popolazione adulta residente nella ASL Roma C ottenuti con la Sorveglianza PASSI sui grandi temi del fumo, dell'alcol, della sedentarietà e dell'alimentazione. Poster PASSI - Promozione stili di vita (229,9 KB)

Su questi stessi temi, unitamente al poster, è stata consegnata ai MMG una scheda informativa con una sintesi dei risultati dei primi due anni di raccolta dei dati PASSI frutto del lavoro degli intervistatori, del Coordinamento ASL PASSI presso il Dipartimento di Prevenzione e dei MMG delle Commissioni Appropriatezza coordinati dall'Area Assistenza Primaria Generica e Pediatrica del distretto. Scheda MMG su fumo, alcol, attività fisica e alimentazione (557,1 KB)

Tra i prodotti comunicativi del 2014 sono state realizzate due schede, per presentare i dati riguardanti l'eccesso ponderale e l'abitudine al fumo di sigaretta fra gli adulti residenti nella nostra Asl: una Scheda sul fumo e una Scheda sullo stato nutrizionale.

Si tratta, come noto, di fattori di rischio che favoriscono l'insorgenza di molte malattie.
Nell'ambito dei percorsi clinici che l'Azienda sta mettendo in atto nei confronti di malattie croniche ad alta incidenza, come diabete e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), appare doveroso puntare a ridurre la presenza di tali fattori, sia nella popolazione sana sia tra chi è già affetto dalla patologia cronica, al fine di ridurne le complicanze

 

La Sorveglianza delle Malattie Infettive SIMI ( Sistema InformatizzatoMalattie Infettive)

 

La Sorveglianza delle Malattie Infettive permette di documentare accuratamente le caratteristiche epidemiologiche di una malattia infettiva e consente di valutare con precisione le possibilità di successo di varie strategie di intervento.

 

Ai fini del controllo e della prevenzione, è importante che i dati siano di buona qualità e che possano essere analizzati in tempo reale (così da permettere la pianificazione di programmi di intervento sia a livello locale che centrale) e forniscano informazioni epidemiologiche utili a comprendere le modalità di trasmissione.

 

Gli obiettivi perseguiti dal SIMI sono:

 

  • migliorare la qualità dei dati;

  • consentire un'analisi tempestiva delle notifiche;

  • aumentare la funzionalità del sistema facilitando il ritorno dell'informazione ai medici notificatori;

  • facilitare il controllo delle malattie infettive.

 

Nella ASL Roma C, la Sorveglianza delle Malattie Infettive è condotta dall' U.O. Profilassi delle malattie Infettive del Servizio Igiene e sanità pubblica.

Malattie infettive notificate nella ASL Roma C Report notifiche 2010 (24,7 KB).