Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.
Gli stabilimenti che effettuano Sperimentazione utilizzando modelli animali si distinguono, in relazione alla loro attività, in : utilizzatori (autorizzazione Ministero della Salute) o di allevamento - fornitori (autorizzazione del Sindaco).

 

 

Autorizzazione Stabulari di Sperimentazione Animale

(Stabilimento di Allevamento - Fornitore)


(DPR 320/54; Regolamento Comunale Servizio Veterinario; Regolamento Comunale Tutela degli Animali; DLgs 116/92)

 

Per l’attivazione di uno Stabilimento di Allevamento e/o Fornitore di animali destinati alla sperimentazione, di cui al DLgs 116/92, il titolare deve richiedere al Sindaco, tramite la UOC Servizio Veterinario Igiene Allevamenti e Produzioni Primarie, l’Autorizzazione Sanitaria prevista dall’Art. 10 del citato Decreto

 

Alla domanda deve essere allegata:

  1. una planimetria dei locali scala 1:50 – 1:100 timbrata e firmata da un tecnico abilitato (nella planimetria occorre che venga riportata la zona dove sono custoditi gli animali e tutti i locali annessi con l’uso cui sono destinati; nel caso di altezze differenti e/o con interramento devono essere riportate in pianta anche le altezze; nel caso della presenza di impianti di aerazione forzata si dovrà rappresentare sulla stessa o in altra planimetria i percorsi dell’impianto e le bocchette di presa ed espulsione dell’aria e sarà acclusa una specifica relazione tecnico descrittiva timbrata e firmata da un professionista abilitato

 

  1. documentazione attestante la regolarità della fornitura idrica ACEA ( copia ultima dell’ bolletta di pagamento o del contratto); se i locali dispongono di forniture idriche alternative, produrre la documentazione che ne attesti la regolarità (esempio: acquedotto privato, copia del contratto e/o ultima bolletta di pagamento; pozzo privato: autorizzazione all’uso potabile rilasciata dal Servizio Interzonale PAAP di Viale Castrense, 5 / D Roma).

 

  1. se i locali non risultino allacciati alla fognatura comunale dovrà essere prodotta la documentazione attestante la regolarità dello smaltimento (Autorizzazione del Comune o della Provincia in relazione alla tipologia di scarico).

 

  1. la dichiarazione di un Medico Veterinario (Art. 5) di “accettazione della responsabilità della gestione della salute e del benessere degli animali, allo scopo di evitare danni durevoli, dolore, inutili sofferenze o angoscia agli stessi”.

 

  1. il versamento di € 160,00 indicando nella causale: Veterinaria, Stabulario Fornitore

 

  1. il versamento di € 154.94,00 + spese di accesso (€ 0,52 per Km) indicando nella causale: Sisp / parere igienico sanitario (Stabulario Sperimentazione)

 

* le spese di accesso a Km, per il Sisp,sono calcolate dal luogo ove è situata l’attività fino a Via del Casale del Merode, 8 (andata e ritorno).

 

* entrambi i versamenti saranno effettuati tramite BONIFICO BANCARIO: vedi link CONTATTI.

 

la Domanda di Autorizzazione Sanitaria al Sindaco deve essere presentata con la documentazione da allegare, i versamenti e una marca da bollo uso corrente, presso Il Dipartimento di Prevenzione / UOC Servizio Veterinario Igiene Allevamenti e Produzioni Primarie in Via Del Casale de Merode, 8 – 00147 / Roma.

 

Nel caso di Sub/Ingresso (voltura), cambio di Ragione Sociale o Titolarità, senza modifica strutturale ed impiantistica e del ciclo lavorativo, deve essere compilata e trasmessa al Dipartimento di Prevenzione / UOC Servizio Veterinario Igiene Allevamenti e Produzioni Primarie in Via Del Casale de Merode, 8 – 00147 / Roma, l’informativa del cambio di Ragione Sociale o di Titolarità; nel caso di modifiche strutturali o impiantistiche o del ciclo lavorativo, deve essere richiesta una Nuova Autorizzazione Sanitaria con le modalità già descritte.

 

Il Titolare dello Stabilimento Fornitore o di Allevamento, prima dell’inizio dell’attività, deve munirsi di apposito registro vidimato dalla Autorità Competente dove deve annotare, di volta in volta, il numero e le specie degli animali venduti o forniti, la data in cui gli animali sono stati venduti o forniti, il nome e l’indirizzo del destinatario, nonché il numero e le specie degli animali morti negli stessi stabilimenti; i registri devono essere conservati per almeno tre anni a decorrere dall’ultima registrazione per i controlli dell’autorità che effettua le ispezioni.

 

N.B. Per ciò che attiene ai requisiti di competenza Veterinaria (UOC Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Primarie), oltre a quanto richiesto dalla UOC SISP (Servizio Igiene e Sanità Pubblica), occorre che siano rispettati i seguenti requisiti generali degli ambienti dove sono tenuti gli animali e gli annessi locali di servizio (locali lavaggio gabbie / contenitori, abbeveratoi, mangiatoie, ..ecc.; locali stoccaggio mangimi, …ecc.):

 

  • pareti lavabili e disinfettabili sino a 2mt di altezza

  • raccordi a sagoma curva tra pareti e pavimento

  • chiusini sifonati

  • idonee attrezzature e dispositivi per la detenzione degli animali in condizioni di salute e di benessere (incluso sistemi per la distribuzione di acqua potabile, razionale distribuzione degli alimenti e delle operazioni generali di governo includenti la pulizia) e la idonea gestione delle condizioni igienico sanitarie

  • sistemi per la distribuzione di acqua potabile calda – fredda

  • finestrature dotate di retine a maglie strette antiinsetti ed antiroditori

  • idonee condizioni di illuminazione ed aerazione (sia per il benessere degli animali che per le attività degli operatori)

  • la ventilazione dei locali, dove sono presenti animali, deve avere un idoneo ricambio di aria (vedi Allegato 2 al DLgs)

  • conformità ( in termini di benessere e salute degli animali) e manutenzione delle attrezzature e degli ambienti di alloggiamento degli animali al dettato del DLgs 116/92

  • dispositivi che segnalino incendi, intrusioni, guasti agli impianti dei locali di stabulazione degli animali

     

     

     

    Autorizzazione Stabulari di Sperimentazione Animale

    (Stabilimento Utilizzatore)

    (DPR 320/54; Regolamento Comunale Servizio Veterinario; Regolamento Comunale Tutela degli Animali; DLgs 116/92)

     

     

    Per l’attivazione di uno Stabilimento Utilizzatore di animali destinati alla sperimentazione, di cui al DLgs 116/92, il Titolare deve richiedere al Ministero della Salute il rilascio del Decreto Autorizzativo, prevista dall’Art. 12 del citato Decreto, inviando copia della richiesta inoltrata al Ministero alla UOC Servizio Veterinario Igiene Allevamenti e Produzioni Primarie* ed alla Prefettura

     

    * Dipartimento di Prevenzione / UOC Servizio Veterinario Igiene Allevamenti e Produzioni Primarie in Via Del Casale de Merode, 8 – 00147 / Roma.

     

    La UOC Servizio Veterinario Igiene Allevamenti e Produzioni Primarie, di concerto con la UOC SISP (Servizio Igiene e Sanità Pubblica), rilascerà parere relativo alle condizioni igienico strutturali dell’impianto e, per ciò che attiene alla specificità del parere veterinario, alle condizioni gestionali ed organizzative relative alla salute ed al benessere delle specie animali utilizzate; a tale fine sarà necessario fornire:

     

    1. una planimetria dei locali scala 1:50 – 1:100 timbrata e firmata da un tecnico abilitato (nella planimetria occorre che venga riportata la zona dove sono custoditi gli animali e tutti i locali annessi con l’uso cui sono destinati; nel caso di altezze differenti e/o con interramento devono essere riportate in pianta anche le altezze; nel caso della presenza di impianti di aerazione forzata si dovrà rappresentare sulla stessa o in altra planimetria i percorsi dell’impianto e le bocchette di presa ed espulsione dell’aria e sarà acclusa una specifica relazione tecnico descrittiva timbrata e firmata da un professionista abilitato

     

    1. l’attestazione della regolarità della fornitura idrica tramite acquedotto comunale ACEA (copia del contratto o dell’ultima bolletta di pagamento) o della fornitura idrica alternativa ( esempio: acquedotto privato - copia del contratto e/o dell’ultima bolletta di pagamento; pozzo ad uso potabile - autorizzazione all’uso potabile rilasciata dal Servizio Interzonale PAAP di Viale Castrense, 5 / D Roma).

     

    1. se i locali non risultano allacciati alla fognatura comunale, dovrà essere prodotta la documentazione attestante la regolarità dello smaltimento (Autorizzazione del Comune o della Provincia in relazione alla tipologia di scarico).

     

    1. copia della dichiarazione di un Medico Veterinario, allegata alla pratica inviata al Ministero della Salute, (Art. 5) di “accettazione della responsabilità della gestione della salute e del benessere degli animali, allo scopo di evitare danni durevoli, dolore, inutili sofferenze o angoscia agli stessi”.

     

    1. il versamento di € 160,00 indicando nella causale: Veterinaria, Stabulario Fornitore

     

    1. il versamento di € 154.94,00 + spese di accesso (€ 0,52 per Km) indicando nella causale: Sisp / parere igienico sanitario (Stabulario Sperimentazione)

     

    * le spese di accesso a Km, per il Sisp,sono calcolate dal luogo ove è situata l’attività fino a

    Via del Casale del Merode, 8 (andata e ritorno).

     

    * entrambi i versamenti saranno effettuati tramite BONIFICO BANCARIO: vedi link CONTATTI.

     

    Il Titolare dello Stabilimento Utilizzatore, prima dell’inizio dell’attività, deve munirsi di apposito registro vidimato dalla Autorità Competente (Ministero della Salute) dove deve annotare, di volta in volta, il numero e le specie degli animali acquistati, la provenienza e la data di arrivo, le eventuali nascite o morti; i registri devono essere conservati per almeno tre anni a decorrere dall’ultima registrazione per i controlli dell’autorità che effettua le ispezioni.

     

    N.B. Per ciò che attiene ai requisiti di competenza Veterinaria (UOC Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Primarie), oltre a quanto richiesto dalla UOC SISP (Servizio Igiene e Sanità Pubblica), occorre che siano rispettati i seguenti requisiti generali degli ambienti dove sono tenuti gli animali e gli annessi locali di servizio (locali lavaggio gabbie / contenitori, abbeveratoi, mangiatoie, ..ecc.; locali stoccaggio mangimi, …ecc.):

     

    • pareti lavabili e disinfettabili sino a 2mt di altezza

    • raccordi a sagoma curva tra pareti e pavimento

    • chiusini sifonati

    • idonee attrezzature e dispositivi per la detenzione degli animali in condizioni di salute e di benessere (incluso sistemi per la distribuzione di acqua potabile, razionale distribuzione degli alimenti e delle operazioni generali di governo includenti la pulizia) e la idonea gestione delle condizioni igienico sanitarie

    • sistemi per la distribuzione di acqua potabile calda – fredda per gli addetti

    • finestrature dotate di retine a maglie strette antiinsetti ed antiroditori

    • idonee condizioni di illuminazione ed aerazione (sia per il benessere degli animali che per le attività degli operatori)

    • la ventilazione dei locali, dove sono presenti animali, deve avere un idoneo ricambio di aria (vedi Allegato 2 al DLgs)

    • la conformità ( in termini di benessere e salute degli animali) e la manutenzione delle attrezzature e degli ambienti di alloggiamento degli animali al dettato del DLgs 116/92

    • dispositivi di allarme in caso di intrusioni o guasti agli impianti dei locali di stabulazione degli animali