Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.

…ciò che è utile sapere

 

Il Ticket

 

In base alle leggi vigenti il cittadino di norma deve pagare il ticket per le visite psichiatriche, le psicoterapie individuali, di coppia, familiari, di gruppo, le prestazioni di psicodiagnostica e le prestazioni di medicina legale.

Sono invece gratuite tutte le prestazioni effettuate in situazione di emergenza/urgenza sia per chiamata/accesso diretto che tramite il 118.

- Dove si paga

Per i cittadini che abitano nel Municipio VI

- Distretto Sanitario integrato "Santa Caterina della Rosa" Via Forteguerri, 4 - Stanza T 28 - Tel. 0651005224: dal lun. al ven .  8.00 –18.00; sabato 8.00-13.00

 

Per i cittadini che abitano nel Municipio IX

- Poliambulatorio via Nocera Umbra,110; Tel. 0651008708

dal lun. al ven. dalle 7.30 alle 19.00; sab. dalle 7.30 alle 13.30

- Poliambulatorio via Apulia, 5/7; Tel. 0651008948 dal lun. al ven. dalle 7.30 alle 19.00; sab. dalle 7.30 alle 13.00

 

Per i cittadini che abitano nel Municipio XI

- Poliambulatorio via Malfante, 35. Tel. 0651008630-87784 dal lun. al ven. dalle 7.30 alle 19.00; sab. chiuso

 - Presidio Ospedaliero C.T.O. “A.Alesini” Via S. Nemesio, 21. Tel. 0651003016-3770 dal lun. al ven. dalle 7.00 alle 18.30; sab. dalle 7.00 alle 13.00

 

Per i cittadini che abitano nel Municipio XII

- Poliambulatorio Centro della Gioia Via Ardeatina,122. Tel. 0651008593 lun. dalle 8.00 alle 16.00; dal mar. al sab. dalle 8.00 alle 13.00; mart. e giov. dalle 14.30 alle 18.00

- Poliambulatorio Decima Via Sabatini, snc. Tel. 0651006407 lun. - ven. dalle 7.45 alle 14.00 e dalle 14.30 alle 18.30; sab. dalle 8.00 alle 13.30

- Poliambulatorio Vitinia Via Gemmano, 12. Tel. 06 51008965 dal  lun. al sab. dalle7.30 alle 13.00; giov. dalle 14.30 alle 16.30

- Poliambulatorio Spinaceto Via Frignani, 83. Tel. 06 51008676 lun. – ven. dalle 8.00 alle 12.30; mart. e giov. dalle 14.30 alle 17.30; sab. dalle 8.00 alle 12.00

 

- Chi è esente dal ticket

 

Categorie di esenti:

- Cittadini di età inferiore a sei anni e superiore a sessantacinque anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro (CODICE E01)

- Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (CODICE E02)

- Titolari di pensioni sociali e loro familiari a carico (CODICE E03)

- Titolari di pensioni al minimo di età superiore a sessant'anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (CODICE E04)

- Come si diventa esenti

Nel corso del 2011 sono gradualmente entrate in vigore nelle Regioni le nuove modalità di verifica delle esenzioni per reddito, stabilite dal decreto Ministeriale 11 dicembre 2009.

Nelle Regioni che hanno già recepito il decreto il medico prescrittore, (medico di famiglia e pediatra), che possiede la lista degli esenti fornita dal sistema tessera sanitaria, all'atto della prescrizione di prestazioni di specialistica ambulatoriale verifica, su richiesta dell'assistito, il diritto all'esenzione (per i codici E01, E03, E04), lo comunica all'interessato e riporta il relativo codice sulla ricetta.

L’esenzione relativa allo stato di disoccupazione (codice E02), deve essere autocertificata annualmente dall’assistito presso la ASL di appartenenza che rilascia un apposito attestato.

- Dove bisogna recarsi per diventare esenti

La richiesta di rilascio del tesserino di esenzione va effettuata presso gli uffici esenzione ticket dei Distretti Sanitari dell’Asl Roma C ubicati:


Per i cittadini che abitano nel Municipio VI
in Via Forteguerri, 4 - stanza 28 - Tel. 0651005224

- dal lun. al ven. 8.00 alle 12.30 e mart e giov 14.00/17.00


Per i cittadini che abitano nel Municipio IX
in Via Monza, 2 -

- PER PATOLOGIA - Tel. 0651006749.

Il mart., merc., ven. dalle 08.30 alle 12.15 e il mart. e giov. dalle 14.30 alle 16.15

- PER REDDITO - Tel. 0651006740.

Dal lun. al ven. dalle 08.00 alle 12.15 e il mart. e giov. dalle 14.30 alle 16.15

- PER SCELTA E REVOCA DEL MEDICO - Tel. 0651006702.

Dal lun. al ven. dalle 08.00 alle 12.15 e il mart. e giov. dalle 14.30 alle 16.15

 

Per i cittadini che abitano nel Municipio XI in Via San Nemesio, 28 - Tel. 0651005036 - Tel. 0651005029 - Tel. 0651005039.

Dal lun. al ven. 8.00 alle 13.00 e il mart. e giov. dalle 14.00 alle 16.30

 

Per i cittadini che abitano nel Municipio XII in Via Lipparini, 11 - III Ponte Laurentina - Tel. 0651005445 - Tel. 0651005457.

Dal lun. al ven. dalle 08.00 alle 13.00 e il mart. e giov. dalle 14.00 alle 16.30

 

RICONOSCIMENTO INVALIDITA’ CIVILE

 

Consiste nel riconoscimento di uno stato invalidante, indipendente da causa di servizio, lavoro o di guerra, in base al quale l'interessato può ottenere benefici economici e/o socio-sanitari previsti dalla legge.

Per la presentazione delle domande d'invalidità civile occorre rivolgersi all’Ufficio Invalidi Civili del proprio Distretto Sanitario:

 

- per i residenti nel Municipio VI Via Casilina, 395, tel. 0651006247; lun. merc. ven. ore 9.00– 12.00, mar. ore 15.00 – 17.00;

- per i residenti nel Municipio IX Via Monza, 2,  tel.0651006509-6525; lun. ven. ore 8.30 - 11.30, mar. giov. ore 15.00 – 17.00;

- per i residenti nel Municipio XI Viale Tor Marancia, 21  tel. 0651008928-2929-8936-5734; lun. merc.  ore 9.00 – 12.00; mar. giov. ore 14.45 – 16.45;

- per i residenti nel Municipio XII Via Ignazio Silone, 100  Tel. 0651008256-8257-8258-8259-8260; lun. merc.  ore 8.30 – 11.30; mar. giov. ore 14.30 – 16.30;

 

Alla domanda devono essere allegati un certificato medico che attesti la patologia invalidante e l’apposito modello compilato, in distribuzione presso gli stessi uffici invalidi civili. Il richiedente si presenta a visita medica nel giorno e nel luogo stabilito, con tutta la documentazione sanitaria eventualmente in suo possesso, attestante la natura e il grado delle malattie da cui è affetto. Durante la visita è possibile farsi assistere da un medico di fiducia. Qualora per documentati motivi, non possa presentarsi a visita, può richiedere alla Commissione medica di disporre di una visita domiciliare.

 

RICONOSCIMENTO BENEFICI LEGGE 104 PER L’HANDICAP

 

Gli utenti riconosciuti portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 e i familiari di persone handicappate cui prestano assistenza, hanno diritto, a seconda del grado di handicap, ad una serie di benefici socio-sanitari, amministrativi e/o economici (sgravi fiscali, agevolazioni nel posto di lavoro, etc).

In particolare per i familiari è possibile usufruire di un periodo di congedo retribuito (massimo 2 anni) per la necessità di cure prolungate del figlio riconosciuto disabile grave da almeno 5 anni.

Per ottenere i benefici è necessario presentare la domanda all'Ufficio Invalidi Civili del proprio Distretto Sanitario (i recapiti sono stati già indicati sopra) allegando un certificato medico che attesti la patologia invalidante e l’apposito modello compilato, in distribuzione presso gli stessi uffici invalidi civili.

 

INSERIMENTO LAVORATIVO

 

Il cittadino in età lavorativa seguito dal DSM potrà essere aiutato ad inserirsi nel mondo del lavoro. Per l’iscrizione agli uffici di collocamento ordinario ed obbligatorio dei disabili è possibile recarsi presso:

- Ufficio di collocamento ordinario o Centro Impiego

via Rolando Vignali,14; 

Centralino 0667661

Segreteria 0667668278-fax 067213302

dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30

martedì e giovedì anche dalle 14.45 alle 16.45

Possono iscriversi i cittadini :

- che abbiano compiuto 15 anni di età ed aver conseguito il primo anno delle scuole superiori;

- altrimenti aver compiuto 16 anni;

- fino all’età di 65 anni.

- Ufficio di Collocamento obbligatorio dei disabili o Centro Impiego per disabili

via Rolando Vignali,14 Tel 0667668403-8409-8429-8450

dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30; martedì e giovedì anche dalle 14.45 alle 16.45

Per iscriversi è necessario:

- iscrizione alle liste del collocamento ordinario;

- il verbale d’invalidità in originale, più una copia, attestante una percentuale d’invalidità superiore al 45%.

 

CONSULTA DIPARTIMENTALE PER LA SALUTE MENTALE

 

Presso il Dipartimento di Salute Mentale è istituita la Consulta dipartimentale.

E’ composta dai rappresentati delle Associazioni Arap, Arci, Aresam, Diapsigra, Caritas Romana, Sip, e Psichiatria Democratica.

Si riunisce presso la Direzione del DSM in Via Monza, 2 – Tel. 0651006526

Ha come obbiettivi:

- promuovere iniziative culturali per il riconoscimento dei diritti dei portatori di sofferenza psichica.

- proporre alla Direzione dell’Azienda ed al Direttore del DSM le iniziative che ritiene efficaci per il miglioramento dell’assistenza.

- rappresentare il bisogno di salute dei cittadini.

- verificare i livelli di prestazione garantiti.

 

TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO (TSO)

 

L'articolo 1 della legge 13 maggio 1978, n. 180, afferma che gli accertamenti e i trattamenti sanitari sono di norma volontari. Gli accertamenti sanitari obbligatori (ASO) e i trattamenti sanitari obbligatori (TSO) sono attuati dai presidi sanitari pubblici territoriali e, ove necessiti la degenza, nelle strutture ospedaliere pubbliche o convenzionate. Il soggetto può subire il TSO solo con lo scopo di migliorare il suo stato di salute e non per diminuire la sua pericolosità sociale.

Il trattamento sanitario per la tutela della salute mentale è di norma volontario ma in condizioni particolari previste dalla legge può essere obbligatorio ed avviene in condizioni di degenza ospedaliera presso il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura.

 

Per poter attuare un trattamento sanitario obbligatorio (TSO):

- un medico deve scrivere un certificato contenente la proposta motivata del trattamento sanitario obbligatorio quando sussistano alterazione psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici, non accettati dall'infermo, e non vi siano le condizioni e le circostanze che consentano di adottare tempestive ed idonee misure extra ospedaliere

- un medico della struttura sanitaria pubblica deve convalidare con un altro certificato la proposta di TSO

- il sindaco, o un suo delegato, nella sua qualità di autorità sanitaria, emana il provvedimento che dispone il TSO, che deve essere notificato entro 48 ore dal ricovero al giudice tutelare, il quale a sua volta convalida o non convalida il provvedimento

- in caso di mancata convalida, il medico dispone la cessazione del TSO

- entro la scadenza dei sette giorni, il medico della struttura ospedaliera può formulare una proposta di proroga del TSO oltre il settimo giorno, indicando la presunta durata o può comunicarne la cessazione e quindi la revoca

- chi è sottoposto a TSO e chiunque vi abbia interesse può proporre al tribunale competente per territorio ricorso contro il provvedimento convalidato dal giudice tutelare, entro il termine perentorio di 10 giorni dalla comunicazione. Un Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) può essere, nel corso della degenza trasformato in Trattamento Sanitario Volontario (TSV).

 

IL TRATTAMENTO SANITARIO VOLONTARIO (TSV)

 

Il ricovero nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura può essere di tipo volontario o obbligatorio. In ogni modo non può mai essere considerato alternativo o sostitutivo della presa in carico del paziente da parte del Centro di Salute Mentale. Il Trattamento Sanitario Volontario (TSV) si verifica volontariamente su richiesta della persona interessata avvalendosi dello specialista dei centri di salute mentale o del medico di famiglia.