Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.
Standard e impegni per i servizi territoriali

TEMPI DI ATTESA PER ACCOGLIMENTO E PRESTAZIONI NEI CSM


- I cittadini vengono sempre ricevuti in un colloquio con un operatore sanitario al momento della richiesta al servizio.
- L’accoglimento con visite specialistiche viene effettuato entro e non oltre 30 giorni dalla richiesta.
   In caso di problemi valutati come urgenti dagli operatori sanitari l’accoglimento con visita specialistica è immediato.
- Per l’avvio del progetto terapeutico riabilitativo i tempi di attesa variano da una a tre settimane - fatti salvi i casi urgenti - dopo la conclusione della valutazione in accoglimento.
- Può determinarsi periodicamente, in relazione alla quantità di richieste, l’eventualità di predisporre liste d'attesa, in   particolare per le psicoterapie.
- Non vi sono tempi d'attesa per l’impegnativa per il ricovero, previa valutazione ed approvazione dello specialista.
- Tempi d'attesa per il rilascio della relazione di sintesi della cartella clinica: entro 60 giorni
- Tempi d'attesa per il rilascio di relazioni per invalidità civile: entro 60 giorni per casi già diagnosticati; entro 120 giorni per casi da diagnosticare.
- Tempi di attesa per certificazioni medico - legali: entro 30 giorni dal momento in cui è formulata la diagnosi.
 

UMANIZZAZIONE E PERSONALIZZAZIONE

Accoglienza e facilitazione nell’accesso

- I Servizi sono raggiungibili dai residenti dei quartieri di riferimento e collegati con i mezzi pubblici (bus e metro).
- I Servizi sono dotati di équipe multidisciplinari (psichiatri, psicologi, assistenti sociali, infermieri, educatori) che si occupano dell’Accoglimento.
- L'accesso è diretto e senza prescrizione del medico di famiglia

Tempi d’attesa

- L’accesso ai servizi avviene, di consueto, su richiesta dell’interessato o, di fronte ad un disagio che si sia esteso all’intero nucleo familiare, anche da uno o più appartenenti ad esso.
- L’accoglienza e la raccolta delle prime informazioni avviene immediatamente da parte del personale sanitario. Nei servizi lavorano operatori che grazie alla loro formazione ed esperienza sono in grado di effettuare una prima valutazione e avviare un piano di intervento secondo il livello di complessità, gravità, urgenza ed emergenza del caso.
- Alcune richieste possono essere differite quando vi è un’affluenza che non si riesce ad evadere in tempi brevi. In questo caso sono vagliate le disponibilità degli operatori (secondo le evidenze cliniche) ed individuato uno spazio, rispettando i criteri di complessità, gravità, urgenza, emergenza.
- I casi per i quali il livello di complessità, gravità, urgenza, emergenza si rivelasse alto sono valutati e presi in carico immediatamente o, in ogni modo, nel più breve tempo possibile.
 
Personalizzazione dell’assistenza e attenzione alle fasce deboli

- I Servizi operano predisponendo piani terapeutici individualizzati. 
- E’ affidata al Responsabile del Servizio la risoluzione di situazioni di conflittualità tra utenti e operatori di riferimento, correlate a gravi difficoltà di trattamento.
- I Servizi accolgono anche i cittadini stranieri non in regola con l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale.
- Per gli utenti stranieri potrà essere attivata la figura del mediatore culturale. Sono state predisposte delle versioni essenziali nelle principali lingue straniere (inglese, spagnolo e francese).
 
Continuità assistenziale

- Gli utenti sono seguiti dal CSM del proprio territorio di appartenenza.
- Agli utenti è garantita la possibilità di usufruire di tutti i trattamenti ritenuti necessari dagli operatori, anche attraverso l’utilizzazione di risorse presenti in altri presidi del DSM (comunità terapeutiche riabilitative, centri diurni, case famiglia, specifici trattamenti, ecc.) quando non disponibili nel proprio territorio.
- L'utente ha la possibilità di avere operatori di riferimento stabili.
 
Rapporti interpersonali tra cittadino / utente e operatori DSM

- Il cittadino / utente ha il diritto di esprimere il proprio consenso, avute le preventive e corrette informazioni, sugli interventi predisposti e in relazione alle richieste.
- La famiglia dell’utente ha il diritto/dovere di partecipare al progetto terapeutico del congiunto che soffre di problemi psichici.
- Viene fornito ai familiari che lo richiedono il sostegno volto ad alleggerire il carico sostenuto.
- Sono incoraggiati a partecipare al progetto terapeutico, quei familiari, che per qualsiasi ragione, hanno mostrato difficoltà nella comprensione e gestione della sofferenza psichica del congiunto.
- Al cittadino / utente è garantito il pieno rispetto della privacy.

DIRITTO ALL’INFORMAZIONE

Accesso alle informazioni cliniche da parte degli utenti

Informazioni cliniche
- Al momento dell’accesso ai servizi, per legittimare il diritto alla presa in carico e all’assistenza, l’utente dovrà firmare il consenso informato al trattamento e l’autorizzazione al trattamento dei dati sensibili.
- Sarà, quindi, aperto un fascicolo sanitario a suo nome che sarà conservato secondo le normative vigenti (tutela della privacy, legge 675 e 196) e che conterrà le informazioni sull’andamento, nel tempo, delle sue condizioni di salute psichica. Esso conterrà la storia clinica dell’utente e potrà essere un efficace strumento di lavoro per i sanitari che avranno la possibilità di consultarlo (agevolando, così, il processo di cura) e per l’utente stesso qualora dovesse rivelarsi necessario produrre relazioni sanitarie su tempi non recenti e che si riferiscano, in ogni caso, al rapporto che ha avuto con il servizio.
- L’utente ha diritto a ricevere tutte le informazioni cliniche che lo riguardano. Queste informazioni potranno essere comunicate ad altri, solo previa sua esplicita autorizzazione.
- La documentazione clinica in forma scritta (relazioni, certificati etc.) potrà essere rilasciata a richiesta dell’interessato ed essere ritirata anche da un suo delegato.

Segnaletica all’interno della struttura sanitaria

- I Servizi dispongono di segnaletica interna ed esterna.

Completezza, accuratezza e adeguata diffusione di informazioni sui servizi erogati

- Gli operatori forniscono informazioni al pubblico nelle ore di apertura o telefonicamente.